Crea sito

 

 

Associazione Rinnovamento Carismatico Servi di Cristo Vivo

 

 

 

Iscriviti alla newsletter della

Casa di Preghiera S. Michele

lascia qui la tua email

 

 

 

PREGHIERA A MARIA SS.MA AVVOCATELLA

Ti salutiamo, o Regina Nostra Avvocata, Tu hai grande confidenza con Gesu' Cristo che è tuo Figlio, e nessuno dei Santi del cielo ne può avere tanta. Tu puoi ogni cosa perche' sei MADRE, a Te nulla si nega perchè sei REGINA. Non disprezzare, dunque, il nostro pianto, non sdegnare i nostri sospiri, non deludere la nostra attesa. Il Figlio tuo si lascia facilmente piegare da Te , o Maria; piegalo in nostro favore e finchè durerà questa vita miserevole, guarisci, difendici, proteggici e custodiscici. AMEM

 

 

POZZUOLI (NA) - Dopo la celebrazione del 55° anniversario della morte del futuro santo di Pianura, la Diocesi di Pozzuoli si appresta a festeggiare un traguardo importante: è stata messa in calendario per il 7 maggio del 2011 la beatificazione del venerabile don Giustino Russolillo. Papa Ratzinger ha infatti riconosciuto il miracolo fatto dal sacerdote di Pianura, che nel 1998 guarì una catechista da un carcinoma. I medici attestarono la completa guarigione alla fine della radioterapia: lo scorso anno la Consulta medica, istruita un’inchiesta, ha riconosciuto l’inspiegabilità scientifica della guarigione. Un percorso che prende il via nel 1997 quando alla presenza del Santo Padre venne promulgato il decreto riguardante le virtù eroiche del fondatore dei Padri Vocazionisti, delle Suore Vocazioniste e delle Apostole della Santificazione Universale: Don Giustino fu infatti proclamato Venerabile.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la navigazione. Cliccando su uno qualsiasi dei link presenti
nel sito o comunque proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all'uso dei cookies.

home 

chi siamo 

la nostra casa

come aiutarci

igruppi

calendario incontri

intenzioni di preghiera

edizioni

 

prenotazioni online

 

 

 

Mese di Dicembre... dedicato al Santo Natale

 

PREGHIERA AL BAMBIN GESU'

(di Padre Cirillo, OCD)

 

O Gesù, che hai voluto farti bambino, mi avvicino a te con fiducia. 

Credo che il tuo amore premuroso prevenga ogni mia necessità, e anche per l'intercessione della tua santa Madre, tu possa veramente venire incontro a ogni mia necessità, spirituale e materiale, se ti prego secondo la tua volontà. 

Ti amo con tutto il cuore e con tutte le forze del mio animo. 

Ti chiedo perdono se la mia debolezza mi induce al peccato. 

Ripeto con il tuo vangelo:  Signore, se tu vuoi puoi guarirmi. 

A te lascio decidere il come e il quando. 

Sono disposto anche ad accettare la sofferenza, se questa è la tua volontà, ma aiutami a non indurirmi in essa, rendendola infruttuosa. 

Aiutami a essere servitore fedele, e ad amare, per amor tuo, divino Bambino, il mio prossimo come me stesso. 

Bambino onnipotente, ti prego con insistenza di assistermi in questo momento, nella mia attuale circostanza. Donami la grazia di rimanere in te, di essere posseduto e possederti interamente, con i tuoi genitori, Maria e Giuseppe, nella lode eterna dei tuoi celesti servitori. Amen.

 

 

 

 

scarica il nuovo calendario "LA VOCE" 2017 

 

 

 visita il nostro sito WWW.EDIZIONISANMICHELE.IT

 

CATALOGO LIBRI 2015-2016

   

  


         

 

“Signore, il mio amico è tornato dal campo di battaglia. Chiedo il permesso di andare a prenderlo”. “Permesso non concesso”, replicò l’ufficiale: “Non voglio che rischi la vita per un uomo che probabilmente è già morto”.
Il soldato uscì lo stesso e rientrò un’ora dopo ferito mortalmente, trasportando il cadavere dell’amico. L’ufficiale era fuori di sé dalla rabbia. “Te l’avevo detto che era morto. Ora vi ho persi tutti e due. Dimmi, valeva la pena di rischiare per portare indietro un cadavere?”. Il soldato morente rispose: “Oh sì, signore. Quando l’ho raggiunto, era ancora vivo e mi ha detto: “Jack, ero sicuro che saresti venuto”
 
 
 
 
  

Messaggio del 2 Dicembre 2017

 

"Cari figli, mi rivolgo a voi come vostra Madre, la Madre dei giusti, la Madre di coloro che amano e soffrono, la Madre dei santi. Figli miei, anche voi potete essere santi: dipende da voi. Santi sono coloro che amano immensamente il Padre Celeste, coloro che lo amano al di sopra di tutto. Perciò, figli miei, cercate di essere sempre migliori. Se cercate di essere buoni, potete essere santi, anche se non pensate questo di voi. Se pensate di essere buoni, non siete umili e la superbia vi allontana dalla santità. In questo mondo inquieto, colmo di minacce, le vostre mani, apostoli del mio amore, dovrebbero essere tese in preghiera e misericordia. A me, figli miei, regalate il Rosario, le rose che tanto amo! Le mie rose sono le vostre preghiere dette col cuore, e non soltanto recitate con le labbra. Le mie rose sono le vostre opere di preghiera, di fede e di amore. Quando era piccolo, mio Figlio mi diceva che i miei figli sarebbero stati numerosi e che mi avrebbero portato molte rose. Io non capivo, ora so che siete voi quei figli, che mi portate rose quando amate mio Figlio al di sopra di tutto, quando pregate col cuore, quando aiutate i più poveri. Queste sono le mie rose! Questa è la fede, che fa sì che tutto nella vita si faccia per amore; che non si conosca la superbia; che si perdoni sempre con prontezza, senza mai giudicare e cercando sempre di comprendere il proprio fratello. Perciò, apostoli del mio amore, pregate per coloro che non sanno amare, per coloro che non vi amano, per coloro che vi hanno fatto del male, per coloro che non hanno conosciuto l’amore di mio Figlio. Figli miei, vi chiedo questo, perché ricordate: pregare significa amare e perdonare. Vi ringrazio! "

Ultimo messaggio Madonna Medjugorje oggi 25 ottobre 2016 :: Blog su Today
Cari figli, oggi vi invito: pregate per la pace! Abbandonate l’egoismo e vivete i messaggi che vi do. Senza di essi non potete cambiare la vostra vita. Vivendo la preghiera avrete la pace. Vivendo nella pace sentirete il bisogno di testimoniare, perché scoprirete Dio che adesso sentite lontano. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate e permettete a Dio di entrare nei vostri cuori. Ritornate al digiuno e alla confessione, affinché possiate vincere il male in voi e attorno a voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

 

 

 

 

 

 

 

leggi come recitare il rosario di liberazione

 

  

leggi come fare la preghiera della notte per i casi impossibili